valutazione alunni pdp dsa bes
0
Didattica Inclusiva

Sono tanti e diversi gli adattamenti a cui questa pandemia Covid -19 ci costringe.

Spesso però il disorientamento e la paura di non saperci reinventare hanno la meglio sulla razionalità e sulla capacità decisionale di ciascuno, impedendoci di vedere le risposte che abbiamo lì, a portata di mano.

Potrebbe essere questo il caso, ad esempio, di chi insegna Educazione fisica.

Abitualmente, siamo portati a immaginare la Motoria come una lezione in cui il gioco all’aria aperta piuttosto che in palestra la fa da padrone, un momento in cui gli studenti scelgono grandi e piccoli attrezzi come palla e ostacoli per cimentarsi in sport di squadra e in gare individuali.

La Pandemia però ha Cambiato le Regole del gioco.

  • REGOLA NUMERO 1: niente sport al chiuso, ragion per la quale la palestra diventa uno spazio off-limits, lasciandoci la sola alternativa, per le scuole che ne hanno uno e per i giorni in cui il tempo non rema contro, del cortile.
  • REGOLA NUMERO 2: niente scambio di oggetti, per cui, a meno che il docente non riesca a garantire una igienizzazione costante e sicura ad ogni passaggio, sarebbe meglio non utilizzare gli attrezzi sportivi, né palloni né clavette, né tappetoni né spalliere.
  • REGOLA NUMERO 3: attenzione al distanziamento e all’uso della mascherina durante il gioco. A questo punto, quindi, sarebbero da preferirsi le attività sul posto, da svolgere in piedi, ben distanziati e senza agitarsi troppo, dal momento che, è noto ormai, non è consigliabile affaticare il respiro indossando la mascherina (dalla quale, tuttavia, non si può prescindere).

VERREBBE DA CHIEDERSI:

Cosa resta da proporre ai ragazzi nell’ora di Motoria?

valutazione alunni pdp dsa bes

La risposta, a ben guardare, è contenuta nella domanda.

Educazione fisica: è vero che la sua declinazione pratica è quella più conosciuta ma, nondimeno, attiene a questa disciplina anche una dimensione teorica ben descritta all’interno de Le Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell’Infanzia e del primo ciclo di istruzione (MIUR, 2012) e nella Didattica/programmazione per competenze.

Prendendo come esempio il primo ciclo di istruzione, l’Educazione fisica deve promuovere la conoscenza di sé, la consapevolezza della propria persona e del proprio corpo in relazione agli altri e all’ambiente circostante.

Pertanto, significa, tra le altre cose e oltre alla pratica sportiva che abbiamo momentaneamente messo da parte ma che, comunque, rientra sempre in questo discorso, incentivare le esperienze sociali, culturali e personali di tutti e di ciascuno, a partire dagli obiettivi di apprendimento che, nelle suddette Indicazioni, sono riassunti in questo modo:

  1. Il corpo e la sua relazione con lo spazio e con il tempo.
  2. Il linguaggio del corpo come modalità comunicativo-espressiva.
  3. Il gioco, lo sport, le regole e il Fair Play.
  4. Salute e benessere, prevenzione e sicurezza.
valutazione alunni pdp dsa bes

Questi quattro obiettivi, oltre all’interdisciplinarietà, hanno anche la caratteristica di poter essere affrontati in classe, attraverso un insegnamento- apprendimento attivo e partecipativo, che tenga conto sempre e comunque di una didattica e di una programmazione inclusiva e dell’eventuale presenza, tra gli allievi, di alunni BES, DSA e H, coinvolgendo, se possibile, i docenti di sostegno.

Ecco aprirsi, dunque, un ventaglio ricco di possibili attività tra le quali scegliere, senza dimenticare, in ogni caso, la dimensione ludica della lezione.

valutazione alunni pdp dsa bes

IDEE PER LE LEZIONI

I giochi da poter fare in classe, rispettando le regole anti – Covid e il distanziamento sociale, sono tanti e diversi, come, per esempio, le gare di associazioni linguistiche a tema sportivo, i cruciverba collettivi che richiamino e consolidino le conoscenze, i giochi di parole, gli indovinelli, i mimi e i disegni… parti conclusive e applicative di una lezione incentrata sul Fair Play piuttosto che sull’educazione alimentare o sulle regole dell’igiene personale. Ai ragazzi, inoltre, si può pensare di proporre la lettura collettiva di una biografia o di un’autobiografia sportiva, nonché presentare gli sport, soprattutto i meno noti, attraverso la conoscenza dei suoi protagonisti principali. Infine, si può immaginare di condividere in classe video e documenti attinenti il gioco pulito, il Fair Play e la buona condotta, da applicarsi anche nei contesti extrasportivi, collegandosi evidentemente al concetto di Nuova Cittadinanza. A questo punto, i ragazzi saranno pronti per elaborare personalmente dei prodotti originali, come cartelloni o presentazioni di varia natura.

Per concludere, direi che l’attuale situazione di pandemia, sicuramente faticosa e poco felice, deve e può comunque insegnare qualcosa RESILIENZA! : appoggiarsi ai documenti ufficiali e lavorare di creatività può essere d’aiuto per non arenarsi nel senso di inadeguatezza e incapacità.


AUTRICE:
Dott.ssa Donatella Meccia

scopri le nostre collane editoriali!

siamo al vostro fianco nel difficile compito di aiutare gli alunni nelle loro difficoltà…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X
X